giovedì 23 giugno 2011

TRE PROPOSTE DI LEGGE PER CAMBIARE CONCRETAMENTE L'ITALIA



Cari amici, riporto dal sito Democrazia e Legalita' di Elio Veltri la descrizione delle tre proposte di legge che molte associazioni ed alcuni partiti hanno deciso di sostenere attraverso una raccolta firme necessaria perche' queste possano arrivare in Parlamento. Vi chiedo di leggere quanto segue e se condividete le nostre proposte sarebbe opportuno ed indispensabile la vostra partecipazione sia da singoli cittadini, sia da associazioni/movimenti o come partito politico. Poter vivere in un Paese realmente libero e democratico senza l'ombra della criminalita' organizzata che si insinua come una piovra in ogni ambito delle nostre vite dipende da noi. Dobbiamo avere la forza, l'intelligenza, il coraggio e la lungimiranza di saper superare le cose che ci dividono a favore di una collaborazione e di una unione in grado di proiettarci verso i nostri obiettivi comuni. Per cambiare davvero abbiamo il dovere morale e civile di essere uniti senza se e senza ma. La storia ci insegna che tutte le manifestazioni e le conferenze di questo mondo non potranno cambiare l'Italia se ad esse non fanno seguito proposte legislative che impongono il rispetto dei nostri diritti. Un caro saluto.

Christina Pacella


La nostra utopia è credere possibili anche le cose impossibili e cominciare a farle
Una iniziativa di democrazia diretta prevista dalla Costituzione
Le leggi di iniziativa popolare anche quando presentate con più di 50 mila firme previste dalla Costituzione, non hanno mai avuto fortuna perchè il Parlamento non le ha mai discusse.
Allora ci sarebbe da chiedersi perchè abbiamo deciso di presentarne tre nonostante le esperienze precedenti siano poco i
ncoraggianti. Le ragioni sono fondamentalmente due: politica e di tenuta democratica del paese. La prima riguarda il ruolo dei movimenti della società civile e quello dei partiti. Io sono convinto che se l’Opposizione civile, nome dell’associazione a suo tempo fondata insieme a Paolo Sylos Labini ed Enzo Marzo, non si incontra con la politica, il che non esclude disensi e scontri sui contenuti, sul terreno delle riforme più urgenti, ne derivano solo effetti negativi. I movimenti pestano l’acqua nel mortaio e al massimo ottengono l’aumento delle astensioni elettorali e i partiti si chiudono sempre di più nei palazzi della politica e diventano sempre più “casta”, lontana dalle esigenze e dalle esperienze del popolo.

La seconda ragione si capisce leggendo i titoli delle tre leggi e dando uno sguardo al paese reale che il più delle volte il teatrino televisivo della politica rimuove e ignora. Le leggi che noi proponiamo affrontano tre questioni gigantesche e, messe insieme, costituiscono la più consistente riforma di struttura del paese.
La riforma dei partiti passa attraverso una effettiva democrazia interna, il rispetto della funzione delle minoranze, la scelta di candidature trasparenti, qualificate e credibili, la prevenzione di atti di corruzione e malapolitica, la certificazione dei bilanci e la trasparenza dei finanziamenti, la stroncatura delle pratiche familiste sempre più frequenti. Tutte condizioni necessarie per restituire dignità e primato alla politica e ai partiti, sempre meno amati dai cittadini e sempre più soggetti al rischio di sbocchi populisti, connotati di antipolitica. La nostra proposta si pone questi obiettivi e indica gli strumenti per conseguirli.
La proposta sul precariato si commenta da sola e cerca di conciliare flessibilità e sicurezza con l’obiettivo di accogliere le esigenze delle imprese e di garantire sicurezza ai lavoratori attraverso l’istituzione di un reddito garantito superiore di qualche centinaio di euro alla soglia ufficiale di povertà e la riduzione e semplificazione delle forme contrattuali. Corollario indispensabile è la garanzia di una pensione dignitosa che il sistema di precariato selvaggio non garantisce. Milioni di giovani, perdurando la situazione attuale, non hanno futuro e rompono i legami col paese ingrossando le file dell’emigrazione intellettuale. La prima vittima è proprio il paese che perde energie di grande qualità, necessarie non solo al suo sviluppo, ma anche all’impegno politico e istituzionale. Infine, la terza proposta affronta il problema drammatico della montagna di economia illegale( sommersa) e criminale, un terzo della ricchezza prodotta, che sfugge al dovere di pagare tasse e contributi e utilizza milioni di lavoratori senza diritti e senza avvenire.
In questi giorni il problema è ritornato alla ribalta dal momento che le casse dello Stato sono vuote e non potrebbe essere altrimenti con una evasione fiscale che è almeno il doppio di quella degli altri paesi europei, mentre l’Europa ci chiede di dimezzare in tre anni il debito pubblico che si può fare solo in due modi: aumentare le entrate dello Stato o tagliare i servizi essenziali.
Le proposte che presentiamo sono state pensate e costruite anche con il contributo di economisti, esperti, giuslavoristi, magistrati che ringrazio e che dopo avere chiesto il loro consenso ringrazieremo pubblicamene.

Elio Veltri

Riforme di tali dimensione, urgenza e importanaza, richiedono un grande contributo delle componenti della società civile, dei partiti e dei sindacati. Più trasversali saranno i contributi, meglio sarà per tutti e più concreta la speranza di farle diventare leggi dello Stato

venerdì 10 giugno 2011

Why The Illuminati Killed 2Pac



Per chi di voi non conosce la storia di questo artista americano: e' stato ucciso a 25 anni da 5 proiettili. Il suo assassino non e' stato mai trovato. Il messaggio che lanciava attraverso la sua musica era che gli oppressi insorgessero ai loro oppressori. Tupac veniva dalla poverta'. Era diventato famoso, la gente lo rispettava e lo ascoltava e aveva guadagnato soldi a sufficenza da non dover dipendere da case discografiche e lobby di potere. Era un rivoluzionario libero che non aveva paura di denunciare le ingiustizie. Per capire cosa sta succedendo in Italia dobbiamo capire chi tira i fili del potere nel mondo. Vi do quattro parole da cercare: Illuminati, skull and bones, commissione trilaterale, new world order (nuovo ordine mondiale). Sentite inoltre cosa ha dire Noam Chomsky su tali argomenti.

sabato 4 giugno 2011

4 SI!!!


FATE GIRARE! IL POPOLO HA IL DIRITTO DI SAPERE PERCHE' E COME DEVE VOTARE.

giovedì 2 giugno 2011

Allarme NUCLEARE altro che GIAPPONE Lannes



Lo smantellamento delle centrali nucleari in Italia e' affidato dal governo Berlusconi alla ndrangheta. E' nostro dovere morale e civile votare 4 SI al referendum di giugno.

Il ritratto della mafia oggi

Il ritratto della mafia oggi

Propongo questo articolo che ritengo molto importante ed interessante. Buona lettura e sempre in nome di una corretta informazione!

VERGOGNA BERLUSCONI E TUTTI I SUOI GALOPPINI

CLICCATE QUI

mercoledì 1 giugno 2011

Eppure il vento soffia ancora...



IL REFERENDUM CONTRO IL NUCLEARE SI FA. IO VOTO "SI" PER DIRE NO AL NUCLEARE E NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DELL'ACQUA.