venerdì 24 luglio 2009

Intervista bomba di Ayala: "Mancino mi disse che incontrò con Borsellino"

Queste dichiarazioni devono girare il piu' possibile....



Ayala e Mancino non hanno neanche avuto l'accortezza di mettersi d'accordo sulle bugie da raccontare. Sembra evidente che la tensione sta salendo. Raccontano bugie per coprire altre bugie. E' importante che i cittadini sappiano il perchè di tante bugie. E' importante che sappiano che far emergere la verità sulla strage di Via D'Amelio vuol dire ripristinare la legalità e la giustizia in Italia. La legalità e la giustizia sono le fondamenta della democrazia quella rappresentata dalla notra Costituzione quale garante dei nostri diritti. I diritti non devono essere un concetto astratto. I diritti ci riguardano tutti. Pensate, ad esempio, alle scuole. quanti edifici scolastici non sono a norma di legge? Quanti dei nostri figli frequentano edifici scolastici potenzialmente pericolosi, a rischio di crollo? Qui, a Porto san Giorgio abbiamo una di queste scuole. Da genitori non riusciamo a sapere se l'edificio scolastico (che frequentano anche i miei figli) è agibile! Non esiste la documentazione che lo attesta! Viviamo in un paese che non si preoccupa della sicurezza dei nostri bambini. Dobbiamo domandarci PERCHE'. Dobbiamo cercare le risposte, nessuno ce le offrirà spontaneamente. Chi governa questo paese deve sentire il fiato sul collo. Queste persone non governano secondo una etica politica volta al bene collettivo. Questi signori lavorano per i loro interessi personali. Mirano a ridurre i cittadini in miseria cancellando dai nostri pensieri la parola "diritti". In Italia è rimasto un unico, grande, dovere. Il silenzio.

Christina

6 commenti:

bed ha detto...

Video fatto (come hai giò potuto notare), post scritto, pubblicato (http://bad-info.blogspot.com/2009/07/svolta-per-la-faccenda-dellincontro-fra.html) e fatto girare sui blog amici e su FB. ;)

Non mollare christina!

bed

Andrea ha detto...

Non so come mai, ma nemmeno Salvatore Borsellino si è accorto di aver fatto un errore,.....anche lui dice che dal filmato dell'intervista a Mancino egli mostra un'agenda che non ha nulla di scritto sul giorno 1 luglio; non credo di vedere solo qualcosa di diverso. Mancino ha in mano un'agenda che sul 1 luglio ha scritto un appunto, magari non c'entra nulla con Paolo, ma qualcosa c'è scritto. E' importante essere precisi; dire che c'è scritto nulla è di fatto un falso.

Anonimo ha detto...

Caro Andrea, puoi dirmi in quale video Mancino mostra la sua agenda? Non riesco a ritrovare quel passaggio.Grazie

Christina

Imagine..... ha detto...

Caro Andrea, non riesco a capire quale filmato o agenda tu abbia visto. Nel servizio di Silvia Resta andato in onda su La7 Mancino mostra un planning dove mi sembra non ci sia scritto nulla. Se tu hai visto qualcosa di diverso ti chiedo di specificare dove posso reperire questa documentazione.Grazie.

Christina

Anonimo ha detto...

Al minuto 2:25 dello stesso filmato riportato nel post a cui si riferiscono questi commenti è inquadrato il planning di Mancino. Riporta 4 annotazioni: in corrispondenza del 30 giugno, del 1 del 2 e del 4 luglio. Tuttavia non mi pare di aver mai sentito nessuno dire che il planning fosse del tutto bianco. Quello che si è detto (e che è evidente) è che inverosimile che in una settimana un ministro neoeletto, nonché capogruppo al senato per il proprio partito, avesse un'agenda tanto parca di impegni.

Imagine..... ha detto...

Caro Andrea, grazie per la delucidazione. Guardo talmente tanti video durante la giornata che questa mi era sfuggita nonostante ce l'avessi davanti agli occhi. Mi sembra ridicolo che Mancino mostri questo planning. Lui e tutti i paladini che si sentono in dovere di difenderlo possono dire quello che vogliono. Non possono essere smentiti se non da se stessi o da Ciancimino o da Riina. Paolo non c'e' piu', la sua agenda rossa non c'e' piu'. Mi sembra un comportamento da vigliacchi voler far passare da bugiardo chi non ha voce per controbattere. Se Mancino davvero non ha incontrato Paolo come mai sente di doversi difendere con tante bugie e contraddizioni palesi?

Christina